Home
About
Portfolio

Come prepararti per una sessione fotografica di branding

Home » Blog » freelance e personal brand » Come prepararti per una sessione fotografica di branding

Se stai leggendo questo articolo, probabilmente hai già deciso di fare un servizio fotografico di personal branding e ora ti trovi a scegliere a chi affidare la tua immagine. So che può essere un momento di stress e incertezza perché temi di non essere fotogenicə e che questo pregiudicherà il risultato, ma sono qui per rassicurarti e guidarti attraverso questa esperienza, che, vedrai, sarà divertente e stimolante e ti regalerà i ritratti che hai sempre desiderato!

Prima di fissare il servizio fotografico

Scegli con cura a chi affidarti per questo importante lavoro su di te , non solo decidendo sulla base estetica e di resa fotografica che contraddistingue il o la professionista, ma anche il lato umano: i ritratti sono una questione di relazione ed è molto importante che ci sia anche feeling con chi ti scatterà e che si possa instaurare uno scambio. Chi ti scatta lavora su ciò che concedi tu, pertanto è importante che trovi una persona con cui ti verrà più naturale condividere chi sei prima e durante lo shooting!

Se stai valutando di lavorare con me, potrebbe aiutarti nella scelta sapere che la mia primaria preoccupazione è quella di farti vivere l’esperienza fotografica al meglio, specie se è la prima volta che posi per delle fotografie.

Consigli per sciogliere l’ansia da shooting

Dirti di rilassarti è inutile se sei agitatə, ma ti riporto, come assaggio, alcune riflessioni che cerco di fare durante la fase di preparazione, prima di scattare con i miei clienti per tamponare l’ansia.

Infatti, il tempo che ci separa dal primo contatto al giorno delle foto, oltre a far decantare le idee e a farci fare un brainstorming su come raccontare il tuo personal brand con le foto, serve anche a costruire la base emotiva per un servizio fotografico ben riuscito.

Non devi sapere come posare: Alla tua prima esperienza fotografica, è normale non sentirsi in grado di posare. Buona notizia: non è tuo dovere saperlo! Sarò io a guidarti, dobbiamo solo rompere il ghiaccio.

Affrontiamo gli imprevisti con calma: Gli imprevisti possono accadere e se ci saranno li gestiremo insieme, con inventiva e flessibilità. Mi impegno a trovare soluzioni e alternative adeguate.

Onestà e trasparenza: Se vedo delle criticità nel progetto, sarò molto chiara con te e ti offrirò tutta la mia proattività per gestire ogni aspetto. Potrai affidarti a me al 100% e dimenticare i pensieri negativi.

Parlami delle tue preoccupazioni: Esponimi i tuoi dubbi, perplessità o paure. Nessuna domanda è stupida e la risposta ti può aiutare a stare a tuo agio prima e durante lo shooting. Ricorda che nessuna paura passa da sola se resta chiusa dentro di te.

Siamo persone, e siamo alla pari: Lo shooting non è un esame e non ti tratterò come se lo fosse. Lo facciamo insieme, nel massimo rispetto e discrezione da parte mia.

Dedicati del tempo per prepararti

Il giorno prima del servizio dedica del tempo a te stesso, facendo qualcosa che ami e che ti rigenera. Evita cene pesanti o di fare tardi la sera prima delle foto, per assicurarti un buon riposo durante la notte. Se poi se dovessero comparire occhiaie, herpes e o piccoli inestetismi “temporanei”, non preoccuparti: c’è sempre un modo per mascherarli.

Inoltre è importante che tu non prenda altri impegni importanti a ridosso dello shooting: avvisa chi devi che quel giorno non sarai reperibile.
Mi serve la tua attenzione completa e sapere che nessuno ci disturberà. Sarà una giornata dedicata a te, quindi goditela!

Cosa portare con te il giorno della sessione fotografica

Lo stretto necessario è la risposta giusta!

Dipende da dove e come faremo le foto, e questo lo decidiamo assieme agli altri dettagli durante la pre-produzione. Ti verrà fornita ogni indicazione utile per il tuo caso specifico, ma per il momento tieni in considerazione qualche altra dritta che ti elenco di seguito.

Viaggiare leggeri è il modo migliore per spostarsi agilmente tra le varie location, soprattutto se non abbiamo un accesso esclusivo e dobbiamo operare in mezzo ad altre persone. Meno zaini e borse hai, meno si sgualciscono i vestiti e, non meno importante, risparmierai il mal di schiena a fine giornata. Io sarò sempre disponibile ad aiutarti, ma durante lo shooting ho bisogno di avere le mani libere, quindi se portiamo con noi oggetti per lo shooting o indumenti che potrebbero rovinarsi se poggiati a terra, prevedi una borsa cerata, come quella che usi per la spesa, per contenerli.

Riduci gli effetti personali al minimo. Porta con te solo ciò che è essenziale e un solo “oggetto non si sa mai”. Non dimenticare una borraccia d’acqua: l’idratazione è fondamentale non solo per evitare il mal di testa e la stanchezza, ma anche per avere labbra più idratate e pelle più luminosa. Mi impegnerò anch’io a ricordarti di bere durante la giornata, perché questa buona abitudine vale anche per me!

La comodità del tuo outfit e delle tue scarpe è fondamentale.

Se indossi capi troppo stretti o scarpe scomode, il disagio si rifletterà nelle tue espressioni e nei tuoi movimenti. Ricorda anche di vestire in base al clima: un outfit troppo caldo o troppo freddo può influenzare negativamente l’esperienza e il risultato finale.

L’outfit ad ogni modo, è molto importante anche per una questione emozionale, di creazione di un contesto o atmosfera all’interno delle stesse foto, se ti va di approfondire, qui trovi altre indicazioni utili su come vestirsi per un servizio fotografico di personal branding e come possiamo sfruttare questo aspetto per scrivere la tua storia visiva.

Conclusione

Lavorare serenamente durante lo shooting non significa che non ci saranno problemi o che verrai perfettamente in ogni scatto, ma se abbiamo fatto bene tutti i preparativi, sapremo affrontare ogni problematica, e scatteremo davvero molte foto bellissime (e scarteremo tranquillamente quelle così così) e il tuo progetto fotografico di branding sarà eccezionale!

Ti va di iniziare?

Condividi questo articolo su:

Ciao, sono Francesca

Mi occupo di personal branding e storytelling visivo per catturare l’essenza della tua identità e farti connettere più spontaneamente con le persone che desideri, facendo chiarezza sulla tua unicità. Scatto immagini che raccontano la personalità e il carattere di freelance e piccole attività che vogliono fare la differenza.

Ti va di ricevere le mie Cartoline?

Cartoline è il nome della mia newsletter, un contenitore di idee e riflessioni ma anche consigli approfondimenti fotografici, esercizi creativi e una strizzata d’occhio alla tua comunicazione visiva. Se ti va di ricevere le mie missive iscriviti nel form qui sotto!